donaora
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su instagram
Ernesto Sirani

Chi sono

Nome Ernesto Sirani
Data di nascita 26 novembre 1945
Luogo di nascita Chiari (BS)
Data di ordinazione 28 maggio 1975
Terra di missione Huarez - Perù

Sono figlio di genitori contadini bresciani. Persi mio padre all’età di 7 anni in un evento tragico che ancora oggi resta impresso nel mio cuore. Da ragazzino frequentavo l’ambiente dei salesiani a S. Bernardino, la casa di aspirantato per tanti giovani che desiderano diventare salesiani. A 35 anni, nel pieno delle mie forze, sognavo di spendere la mia vita per i poveri. Adesso sono parroco di 15.000 anime nella parrocchia di San Josè a 2.750 m di altezza nella vallata di Huaylas. Ho 30 comunità sparse sui fianchi delle due Cordigliere Bianca e Nera, alcune comunità vivono anche a 3.400 m di altezza. Lo spettacolo è mozzafiato quando il cielo è limpido, ma lo spettacolo più commovente sono i campesinos, i contadini, chini sulla terra, in perenne lotta, per strapparle il necessario per vivere.

Il mio compito è di portare la fede tra i giovani e la mia gente. La cultura sta cambiando rapidamente. I giovani sognano di studiare a Lima. Sulla Sierra rimangono i poveri, i bambini, il nostro oratorio che segue l’orma di Don Bosco e che ci ricorda che la cosa più importante della vita è: “salvarsi l’anima aiutando i poveri”.

La mia missione

Nella mia esperienza ho avuto la fortuna di conoscere don Luigi Melesi, reduce della prima spedizione Operazione Mato Grosso ne 1967 e tanti giovani che partivano per le missioni in Brasile, Ecuador e Bolivia. Parlavano della loro esperienza con gioia, e il mio cuore si entusiasmava nell’ascoltarli. Il contatto con i poveri aveva cambiato il loro modo di pensare! Così ho deciso di partire missionario…

Qui in Perù, abbiamo dato vita ad un laboratorio di intaglio del legno e della pietra. L’idea della scuola di intaglio Don Bosco è nata a Chacas, dove era parroco P. Ugo De Censi, responsabile e fondatore dell’Operazione Mato Grosso. Egli, da vero figlio di Don Bosco, sentiva che mancava qualcosa per quei ragazzi. Gli venne allora questa intuizione osservando il coro dedicato a Mama Ashu che c’è nella chiesa di Chacas, deteriorato perché del XVII secolo, tutto dorato: un’opera d’arte eccezionale. Perché allora non fare una scuola di intaglio del legno considerata la tradizione artistica dei loro antenati? P. Ugo radunò i più poveri, invitò scultori dal Cuzco e un falegname locale e dette origine a una scuola con convitto gratuito. Nacque poi la scuola di cucito e maglieria per le ragazze contadine più povere e una scuola cattolica per 26 ragazze contadine con lo scopo di prepararle come maestre per le comunità più lontane.

A Jangas ad oggi ci sono state 5 promozioni, ciascuna di un ciclo di 5 anni: a ogni ciclo partecipano 25 ragazzi poveri delle vallate, che imparano l’arte dell’intaglio del legno per due anni e al terzo anno si sdoppiano in due gruppi, uno che continua con la lavorazione del legno, l’altro inizia quella della pietra e del marmo. Terminati i 5 anni e un periodo di prova, i ragazzi entrano nella cooperativa Domenico Savio e ciascuno riceve, insieme al diploma, una cassetta degli attrezzi da lavoro. I lavoratori della cooperativa hanno vitto gratuito e macchinari e legname a disposizione.

Ordiniamo noi i lavori e commercializziamo i prodotti: sedie, mobili, opere d’arte sacra, statue. A Las Vegas una chiesa modernissima ci ha dato molto lavoro. Nel fine settimana questi ragazzi ci restituiscono un servizio volontario, occupandosi dell’oratorio (1300 tra ragazzi e ragazze!) e dei più piccoli. Ci basta una chiesetta e un prato per rivivere l’inizio dell’oratorio di Valdocco! Ogni anno si fa un grande gioco, i ragazzi accumulano punti e alla fine, in base al punteggio, tutti ricevono dei regali utili per le loro famiglie: stoviglie, piatti, tavoli, sedie, carriole, attrezzi da lavoro, alcune biciclette… queste ultime un premio favoloso!

Con i ragazzi di Jangas applichiamo il regolamento di Don Bosco, preso dall’Ottocento con qualche aggiustamento: ad esempio, prima del pranzo i ragazzi si mettono in fila e in silenzio, perché - spieghiamo loro - non c’è educazione senza disciplina. Al mattino c’è la meditazione , una riflessione su un tema prefissato, la sera c’è la buonanotte data dai superiori, ci sono gli esercizi spirituali a luglio in montagna e a scuola il voto di condotta”.

L’attenzione di p. Ernesto Sirani per i contadini più poveri passa anche attraverso l’aiuto nella costruzione delle loro case: “Noi raccoglievamo all’inizio i soldi provenienti dai rifugi che abbiamo costruito sulle Ande. Un’avventura unica! Con il ricavato della stagione estiva abbiamo potuto costruire le case dei contadini”.

  • MOLINO-FELICE
  • barpor
  • begnism
  • bepi
  • bergaminsmall
  • bordignon
  • cappellettism
  • cappor
  • cbpic
  • denardi
  • donfilippoperinsm
  • dovandung
  • erminio
  • garniga
  • jimsm
  • jpsm
  • mounirsm
  • padreitalospagnsmall
  • panpor
  • parolinsm
  • perezsm
  • pgiac
  • profiloRacca
  • profiloThathi
  • profilocorselli
  • profilomeert
  • profilopiccolohubert
  • rossi
  • seradinochioesa
  • sirani
  • suorgiovwid
  • suorlapo
  • suormarchessm
  • teiport
  • vassmall
  • vincismall
  • vittorio-castagna


Missioni Don Bosco Valdocco Onlus

Via Maria Ausiliatrice, 32
10152 - Torino
Italia

Contattaci

Tel. +39 011-3990101
Fax. +39 011-3990195
Email info@missionidonbosco.org
Cod. Fiscale: 97792970010

Orari di apertura

Lunedì - Giovedì
09.00-12.30
14.30-16.30

Venerdì
09.00-14.00