donaora
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su instagram
Paolo Vaschetto

Chi sono

Nome Paolo Vaschetto
Data di nascita 16 settembre 1969
Luogo di nascita Bra, (CN)
Voti perpetui 1995
Terra di missione Ibadan, Nigeria

Mi chiamo Paolo Vaschetto, sono un salesiano laico. Dal 2001, sono missionario in Africa Occidentale: ho deciso di seguire l’esempio di San Giovanni Bosco e di dedicare la mia vita ai giovani africani. Un’esperienza di vita unica, a contatto con popolazioni, usi e costumi completamente diversi da quelli a cui ero abituato; mi riferisco alla mia situazione precedente di giovane braidese DOC.

Una vocazione religiosa nata nell’oratorio di Bra come desiderio di servire il Signore e di servire i giovani, specialmente i più poveri, una decisione che si è consolidata quando si è aperta l’opportunità di venire in Africa, precisamente in Nigeria. Da ormai sedici anni mi impegno a rinnovare ogni giorno la promessa originale di dedicare tutte le mie forze per il progetto di Don Bosco e ho cercato di fare del mio meglio prima ad Akure in Nigeria, poi a Sunyani in Ghana.

Sono molto contento di poter lavorare con questi giovani, perché sono gli stessi giovani con cui Don Bosco ha lavorato e per il quale ha dato la sua vita. E così, in questa missione in Nigeria, ci sentiamo privilegiati di poter dare la vita per questi ragazzi.

Ora mi trovo ad Ibadan, una città situata nella zona dei popoli Yoruba, vicina a Lagos, una delle più famose città del “Gigante Africano”, una città di otto milioni di abitanti in cui facilmente si rifugiano tutti i ragazzi che scappano dai loro villaggi e finiscono per strada.

Nonostante i cattolici siano intorno al 10-15% sono conosciuti e apprezzati per le opere di impatto sociale che possono vantare (scuole, istituti professionali, ospedali, centri di analisi, centri di recupero per giovani a rischio,…) e per la fama di onestà in un contesto di forte corruzione. La proposta religiosa è uno dei cardini della nostra azione, ma è una proposta equilibrata e senza vincoli, che alcuni scelgono di abbracciare. Ovviamente la situazione è molto più drammatica nel nord del Paese dove la minaccia del Boko Haram rende assai più pericoloso il lavoro di evangelizzazione.

La mia missione

Più volte nel corso della mia vita mi è stato chiesto: “Perché hai scelto di andare in missione?” forse la cosa che più mi ha spinto a partire è quella di poter regalare speranza alle persone. Quando i giovani hanno dei modelli positivi cercano di imitarli, vogliono conoscere la gioia di essere cristiani e vogliono cambiare la loro immagine negativa. Questo ha sicuramente un impatto positivo sulla popolazione locale perché vedono che qualcuno lascia il suo paese di origine per condividere con loro generosità, speranza e buona fede.

Ogni giorno nella mia missione incontro bambini, adolescenti e adulti… per me ogni bambino piccolo e ogni giovane sono un dono di Dio… ed è osservandoli che mi accorgo quanto è importante il lavoro che sto facendo perché con il sostegno e l’incoraggiamento posso far compiere passi coraggiosi ai miei ragazzi.

Don Bosco in Ibadan ha una missione di formazione: 80 studenti di filosofia riflettono su come la cultura cristiana possa confrontarsi con la cultura d’oggi e la maggior parte seguirà una vocazione religiosa o sacerdotale. In più abbiamo l’oratorio che apre le sue porte all’accoglienza di giovani prevalentemente musulmani per permettere loro di seguire programmi di formazione umana, culturale e religiosa.

Invece, i ragazzi più poveri ed abbandonati che vivono prevalentemente in strada rientrano un uno speciale programma chiamato “Bosco Boys Project” che permette loro di ricominciare a vivere.

La nostra missione, come salesiani, è di andare incontro a chi per vari motivi è scappato di casa. Ragazzi dagli 8 ai 14 anni, con una famiglia alle spalle spesso assente o in condizioni economiche disperate. Da alcuni anni conoscono i missionari di Don Bosco come un gruppo di persone fidate che si prende cura di loro nelle necessità primarie e che li rende protagonisti della loro vita.

Questi bambini, questi ragazzi hanno bisogno di sentire l’atmosfera di una famiglia, di vivere in un ambiente piacevole e sicuro dove possano crescere e prepararsi ad una vita adulta e responsabile. Hanno bisogno di trovare un buon lavoro e di crearsi un loro nucleo familiare e la nostra casa è per loro un luogo di scoperta e speranza.

Dedico sempre più tempo ai ragazzi di strada, e ancora più tempo alla formazione delle persone che porteranno avanti il lavoro con questi ragazzi. Sarà un lavoro che si avvalerà di assistenti sociali, psicologi, insegnanti, maestri di laboratorio, accompagnati da un buon carisma e tanta passione per i giovani, per l’educazione, in un contesto davvero unico. Un sogno che davvero riempie ogni momento della mia giornata!

  • MOLINO-FELICE
  • barpor
  • begnism
  • bepi
  • bergaminsmall
  • bordignon
  • cappellettism
  • cappor
  • cbpic
  • denardi
  • donfilippoperinsm
  • dovandung
  • erminio
  • garniga
  • jimsm
  • jpsm
  • mounirsm
  • padreitalospagnsmall
  • panpor
  • parolinsm
  • perezsm
  • pgiac
  • profiloRacca
  • profiloThathi
  • profilocorselli
  • profilomeert
  • profilopiccolohubert
  • rossi
  • seradinochioesa
  • sirani
  • suorgiovwid
  • suorlapo
  • suormarchessm
  • teiport
  • vassmall
  • vincismall
  • vittorio-castagna


Missioni Don Bosco Valdocco Onlus

Via Maria Ausiliatrice, 32
10152 - Torino
Italia

Contattaci

Tel. +39 011-3990101
Fax. +39 011-3990195
Email info@missionidonbosco.org
Cod. Fiscale: 97792970010

Orari di apertura

Lunedì - Giovedì
09.00-12.30
14.30-16.30

Venerdì
09.00-14.00