Emergenza Venezuela

Crisi Venezuela: speciale emergenza nutrizionale

Emergenza Venezuela

Crisi Venezuela: speciale emergenza nutrizionale

Icona centro e sud america senza testo
Centro e Sud America
Icona emergenza senza testo
Emergenza

Un’emergenza umanitaria che ha colpito un’intera nazione

L’80% delle famiglie vive in stato di insicurezza nutrizionale.
Il consumo alimentare si è dimezzato, così come il PIL. L’inflazione ha raggiunto quota 1.698.488% ed il tasso di disoccu­pazione il 27%. L’operatività del sistema sanitario e di quello sco­lastico si è ridotta rispettivamente del 60 e del 70%. Sono solo alcune delle cifre estra­polate dal rapporto Sfide 2019, pubblicato a febbraio da Caritas Ve­nezuela, che delineano lo scenario di totale crisi in cui il Paese si trova da ormai troppo tempo.
Intanto, il numero di rifugiati e migranti venezuelani in tutto il mondo, ha quasi raggiunto i 5 milioni. I venezuelani sono stremati. Caracas è una città fantasma.
I salesiani in Venezuela ci hanno scritto confermando queste ci­fre allarmanti e sottolineando che l’Alto Commissario delle Nazio­ni Unite per i Diritti Umani, Mi­chelle Bachelet, ha recentemente diramato l’informazione che la malnutrizione infantile è al 35% e che la quasi totalità dei vene­zuelani vive in situazione di povertà estrema, con un reddito di meno di due dollari al giorno. I Figli di Don Bosco, com’è nel loro stile, continuano a stare ac­canto alla popolazione, soprat­tutto quella più giovane, ma non solo, e a sostenere con forza l’importanza dell’educazione.

Un progetto che coinvolge 11 scuole: motivazioni e obiettivi

I Figli di Don Bosco ci hanno nuovamen­te chiesto aiuto, come già aveva­no fatto un anno e mezzo fa, per garantire un pasto al giorno agli utenti delle scuole salesiane. L’e­lemento di differenza del nuovo progetto nutrizionale è che coin­volge anche gli adulti: insegnan­ti, operatori scolastici, impiegati amministrativi… per aiutarli a portare avanti il lavoro, per of­frire loro un’opportunità in più di rimanere in Venezuela, dove il cibo scarseggia, dove milioni di persone consumano solo un pasto al giorno. Vogliamo che continuino ad affiancare i nostri giovani: per questo garantire il pranzo anche a loro, alle figure di riferimento di bambini e ragazzi che frequentano le scuole salesia­ne, significa molto. Quelli coinvolti nel progetto sono istituti scolastici di vario ordine e grado, sparsi sull’in­tero territorio nazionale, tutti situati in quartieri difficili. E ci hanno chiesto di assicurare un pa­sto quotidiano a 1.650 studenti selezionati fra quelli a rischio mal­nutrizione e 750 dipendenti di 11 scuole in Venezuela.
Il costo di ciascun pasto (un’arepa, una sorta di pane) è di 50 centesimi di €. Un contributo di 25, 50, 100 € si­gnifica cibo e speranza di futuro nel proprio Paese per un bambino, un giovane studente, un bidello, un’insegnante. Le persone che de­vono e vogliono costruire un futu­ro per il Venezuela.
Grazie, a nome di tutti i missio­nari di Caracas e del resto del Venezuela!

PAESE

Icona centro e sud america senza testo
VENEZUELA

AREA TEMATICA

Icona emergenza senza testo
Emergenza

BENEFICIARI

2.400 ALUNNI

CODICE PROGETTO

23567
Codice Progetto 23567

RICEVI I NOSTRI MESSAGGI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Nome(Obbligatorio)
Hidden
Consenso mail
Hidden
Consenso generico
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.