donaora
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su instagram
Maurizio Rossi

Chi sono

Nome Maurizio Rossi
Data di nascita 19 luglio 1956
Luogo di nascita Bassano del Grappa (VI)
Data di ordinazione 30 giugno 1990
Terra di missione Tulear, Madagascar

Sono nato a Bassano del Grappa da papà Severino e mamma Elisa. Sono il primo di due figli maschi e di una figlia femmina, più un fratello maggiore avuto dalla prima moglie di mio padre.

Erano gli anni settanta. La nostra famiglia era povera; terminati gli studi tutti noi ragazzi eravamo avviati al lavoro per imparare un mestiere e ricevere uno stipendio che avrebbe aiutato la nostra famiglia a vivere un pochino meglio.

Da piccolo, dopo la Prima Comunione, andavo spesso a Messa e al catechismo a piedi, con il freddo e con la neve, e ricordo che nel mese missionario, ottobre, rientravano spesso dei sacerdoti missionari che portavano la loro testimonianza. In quelle occasioni – durante le prediche e le testimonianze di quegli uomini dalla lunga barba – gli occhi e la fantasia di noi ragazzi vedevano già le missioni sconfinate di questi “profeti ed eroi del nostro tempo” che avevano lasciato il loro – nostro paesello per portare la parola di Cristo fino ai confini del mondo. Tornando a casa una domenica dissi alla mia mamma: “Mamma, voglio partire anch’io missionario”. La mamma mi ascoltò e non disse niente, mi esortò soltanto a continuare bene la scuola e a terminare gli studi.

Imparai tanti e diversi mestieri: il falegname, l’elettricista, l’operatore telefonico, il metallurgista, il muratore, il contadino,... . Intanto avevo incominciato a fare il catechista in parrocchia ed ero parecchio impegnato nelle varie attività cattoliche e giovanili con particolare attenzione alla dimensione missionaria.

Il tempo passò. L’idea del missionario ritornava sempre e più insistente. A Roma, da ormai due anni era arrivato un Papa “da un paese lontano” e la sua storia di operaio divenuto prete aiutò molto la mia vocazione.

Nel 1980 diedi le dimissioni dal mio lavoro e in quell’occasione vidi piangere mio papà per la prima volta. Mio fratello più giovane, nascondendo le lacrime mi disse “Tu non tornerai più indietro, tu arriverai fino in fondo”. Il fino in fondo era il sogno di prete missionario. Il settembre successivo entrai in noviziato salesiano a Pinerolo, terminandolo con la professione religiosa l’8 settembre 1982.

Mamma e papà, ora sorridevano, forse pensavano “Questo nostro figlio un giorno sarà missionario”.

La mia missione

Fui ordinato il 30 giugno 1990 a S. Zeno di Cassola. La domenica seguente celebrai la mia prima Messa, ringraziai e ricordai tutti coloro che in vari modi mi avevano aiutato in questo mio cammino. Il motto sacerdotale che avevo scelto era proprio “Voi siete il sale della terra, voi siete la luce del mondo”.

Il 7 novembre 1990 sono partito per il Madagascar. Dopo aver salutato la famiglia, con un po’ di emozione nel cuore, entrai nella cappella dell’aeroporto: restai lì in silenzio a pregare mentre scoppiavo a piangere. Piangevo e pregavo e chiedevo al Signore questa grazia: “Signore, aiutami ad amare questo mio nuovo popolo che ancora non conosco, aiutami ad amare questa mia nuova gente, accompagnami con il tuo Spirito per imparare questa nuova lingua, e questo che io lo possa fare con il tuo aiuto e quello della Vergine Maria, aiutami a compierlo, senza dimenticare le mie umili origini, la fede semplice della mia gente.”

Ad attendermi in aeroporto c’era quasi la metà dei missionari salesiani già presenti in Madagascar dal 1981; anno dell’inizio dell’avventura salesiana in questo Paese e dell’arrivo dei primi missionari nell’ “Isola Rossa”. I primi sei mesi li passai nella capitale, Ivato, dove studiavo il malgascio, seguivo l’oratorio e aiutavo nella realizzazione dell’impianto elettrico di una nuova casa salesiana proprio fuori dall’aeroporto. I mesi passarono e partii per Mahajanga.

Strinsi i denti, a 35 anni si è ancora giovani, ma soprattutto pregai lo Santo Spirito, lui l’ispiratore delle lingue nella Pentecoste, di aiutare questo pretino a imparare questa nuova lingua che in comune con l’italiano aveva solo Amen! Nel 1996 il direttore di quella comunità, partì per un’altra destinazione e mi venne proposto di diventare responsabile dell’opera di Mahajanga. A Settembre 2002 finii il mandato di direttore e arrivò per me il momento di ripartire. Dopo 12 anni il momento era forte, “partire è sempre un po’ morire” ma partire vuol dire ricominciare ancora a lavorare per le missioni e per i giovani poveri del Madagascar.

Cambiai orizzonte: da una grande città sul mare, finii in un paesino di montagna a 1286 m sul livello del mare, a Ijely, dove c’è una comunità che si occupa soprattutto di agricoltura. Iniziai un’altra avventura nella mia vita. Mi ritrovai ad amare di nuovo la terra, l’allevamento, e a lavorare per aiutare la gente per migliorare le culture e soprattutto insegnare a fare il formaggio come si doveva fare. Anche qui il mio ruolo fu di economo e direttore della casa, con il compito di cercare i fondi, progettare, rilanciare, e aiutare l’economia contadina di una zona tra la più difficili del Madagascar. La cosa sembrava funzionare e tutta la regione venne a vedere la stalla e la nostra produzione di formaggio; venne a visitarci anche il Ministro dell’Agricoltura che ci indicò come la “migliore piccola fattoria del Madagascar”. Gli anni passarono e il mio mandato di 6 anni terminò nel settembre 2008; un nuovo incarico di economo a Fianarantsoa mi venne assegnato. Nel 2011 arrivai a Tulear. L’opera purtroppo era da rilanciare, non soltanto per la manutenzione lasciata indietro da almeno 15 anni, ma anche un po’ dal punto di vista pastorale salesiano, in particolare profetico della presenza salesiana nel profondo sud della grade Isola Rossa. Il tempo passò e quasi non mi accorsi che era arrivato per me il 30 giugno 2015, giorno del mio 25° anniversario di ordinazione sacerdotale.

Da sempre prego per la mia e le nostre vocazioni missionarie, perché l’Ausiliatrice accompagni con la sua protezione, noi Figli di Don Bosco, contenti di essere un po’ come degli “zingari di Dio”, missionari di Dio e di Don Bosco!

  • MOLINO-FELICE
  • barpor
  • begnism
  • bepi
  • bergaminsmall
  • bordignon
  • cappellettism
  • cappor
  • cbpic
  • denardi
  • donfilippoperinsm
  • dovandung
  • erminio
  • garniga
  • jimsm
  • jpsm
  • mounirsm
  • padreitalospagnsmall
  • panpor
  • parolinsm
  • perezsm
  • pgiac
  • profiloRacca
  • profiloThathi
  • profilocorselli
  • profilomeert
  • profilopiccolohubert
  • rossi
  • seradinochioesa
  • sirani
  • suorgiovwid
  • suorlapo
  • suormarchessm
  • teiport
  • vassmall
  • vincismall
  • vittorio-castagna


Missioni Don Bosco Valdocco Onlus

Via Maria Ausiliatrice, 32
10152 - Torino
Italia

Contattaci

Tel. +39 011-3990101
Fax. +39 011-3990195
Email info@missionidonbosco.org
Cod. Fiscale: 97792970010

Orari di apertura

Lunedì - Giovedì
09.00-12.30
14.30-16.30

Venerdì
09.00-14.00